sabato 9 aprile 2016

I miei eroi letterari preferiti!

Come penso intuirete da titolo del post, oggi voglio parlarvi di qualcosa di diverso; sempre riguardo alle mie letture ma non una semplice recensione! Pensavo a un post che si sarebbe potuto rivelare interessante, ma che allo stesso tempo avrebbe permesso anche a voi di essere più coinvolti: potete infatti commentare con quelli che secondo VOI sono i più valorosi, coraggiosi eroi letterari che meritano davvero il loro titolo!
Prima, voglio però parlarvi della mia idea e della mia definizione personale di "eroe". Diciamo che ogni protagonista, o quasi, nei libri viene presentato come eroe. Secondo me, invece, un eroe deve essere una persona che mette i bisogni degli altri prima dei propri, non necessariamente che uccida un mostro cattivo salvando la ragazza per la quale ha una cotta! Se devo pensare ad un eroe, tuttavia, quelli che mi vengono subito in mente sono i supereroi! In effetti, proprio come dice la parola stessa, loro sono il prototipo di eroe da quasi un secolo, ormai. Spiderman, Capitan America, Iron Man, Superman o Batman: ognuno con la sua storia e le proprie caratteristiche. Nonostante sia un'appassionata di fumetti, non mi sento però di annoverarli nella mia lista. Perché mai?, vi starete chiedendo. Semplice: quando penso ad un eroe, personalmente intendo qualcuno di svantaggiato, senza mezzi eccezionali come super poteri o tecnologie avanzate. MA, e mi viene spontaneo da dire, non sto dicendo che i supereroi non siano degli eroi, tutt'altro. Lo sono di un altro genere, però, che non comprende i libri, sul quale il post di oggi, invece, sarà incentrato. Visto che ci siamo, però, vi andrebbe un post leggermente off topic dove chiacchierare un po' sui fumetti?

Il classico eroe libresco ha subito anch'esso dei cambiamenti nel corso dei secoli (e dei millenni!). Paragonando due eroi del tutto casuali: Harry Potter e Achille non hanno molto in comune, no? Eppure sono entrambi eroi, uno per la letteratura moderna, l'altro l'eroe classico per eccellenza. Ognuno di noi ha dei gusti, alcuni cambiano e vengono influenzati dal mondo esterno, altri invece sono invariabili.
I miei eroi preferiti, perciò, rispecchieranno i miei gusti, e lo stesso sarà per voi!

Tessa - Voglio vivere prima di morire
Come vi ho già detto, per me un eroe non ha bisogno di superpoteri per essere considerato tale. E mentre pensavo ai personaggi da annoverare in questa categoria, non ho potuto escludere lei: Tessa, protagonista di Voglio vivere prima di morire di Jenny Downham. La sua storia, in effetti, non ha niente di eroico: stiamo parlando di una ragazzina malata di cancro, alla quale rimangono pochi mesi di vita in una famiglia disastrata dalla sua malattia, ma che incasinata lo era già da prima. Eppure, la filosofia con la quale Tessa si approccia alla vita e al cancro stesso mi hanno commossa e profondamente colpita. E' vero, queste cose possono succedere a tutti, ma non ce ne rendiamo conto finché non accadono veramente. Invece, grazie a Tessa ho capito di dover vivere sul serio quei momenti, anche dei semplici attimi, che potrebbero non ripetersi più.

Rose Hathaway - L'Accademia dei Vampiri
Spostiamoci adesso al genere fantasy, in particolare verso un libro che è stato (ed è tuttora) uno dei miei preferiti del genere. Mi riferisco a Vampire Academy, noto soprattutto con il titolo italiano di L'Accademia dei vampiri, di Richelle Mead. A differenza delle classiche storie fantasy, quella di Rose, oltre ad essere più complessa, è l'unione perfetta tra la letteratura Young Adult e un qualcosa di più profondo, comprendente temi come l'amicizia, la morte, l'incertezza. Un perfetto connubio di azione e riflessioni personali della protagonista, che proprio per la maturità che acquisisce nel corso della serie è diventata una delle mie eroine preferite!


Lucy e Paul - La trilogia delle gemme
Ammetto di star barando un po', includendo due persone nello stesso posto in classifica. Tuttavia, Lucy e Paul, personaggi secondari in Red, Blue e Green, sono per me come un tutt'uno. L'autrice stessa, Kerstin Gier, ce li ha presentati in questo modo: due giovani ragazzi innamorati, pochi più che maggiorenni, che sono costretti a rinunciare a tutto per un bene maggiore. Non sono molte le parti in cui viene raccontata la loro storia nella serie, e vorrei tanto uno o due libri dedicati interamente a loro! Come Spiderman ci ha insegnato, però, "A volte per fare la cosa giusta bisogna mostrare carattere... E rinunciare a ciò che vogliamo di più, persino ai nostri sogni.", che in pratica è ciò che fanno loro. Rinunciano alla famiglia, alla sicurezza, perfino alla loro epoca (si rifugiano nel passato, come ben saprete), andando verso l'ignoto, il tutto solo per fare la cosa giusta e permettere al bene di trionfare. Questo si che è eroismo!

Lili Elbe - La danese
Cambiamo genere un'altra volta, per spostarci alla protagonista di una storia vera. Lili Elbe, la prima persona ad aver subito un intervento chirurgico di riassegnazione sessuale, è la protagonista della biografia basata sulla sua vita: La danese, di David Ebershoff, dal quale è stato tratto il famosissimo film The Danish Girl, nominato agli Oscar e la cui attrice Alicia Vikander ha vinto il premio come Miglior attrice non protagonista. La storia di Lili, caduta nel dimenticatoio per molto tempo, è secondo me una storia di rivoluzioni: dalla vita di Lili alla condizione della comunità transessuale nella nostra stessa epoca. Sfidando pregiudizi, medici incapaci e perfino il proprio corpo, Lili ha fatto di tutto per essere felice e sentirsi se stessa, pagandolo però a caro prezzo. Se non ci fosse stata lei probabilmente la chirurgia per il cambio di genere sarebbe comunque allo stesso punto di adesso, ma lei è la prima donna ad essersi sottoposta ad un intervento di questo tipo, mai visto prima d'allora.

Harry Potter
Come potevo escludere il famosissimo trio di Harry Potter? Ormai, quando penso ad un eroe, mi viene spontaneo pensare a Harry. Un libro, un bambino, che hanno cambiato la letteratura moderna e che hanno rivoluzionato le vite di milioni di persone.

Quali sono, invece, i vostri cinque eroi letterari preferiti? E perché? Soprattutto, quando possiamo parlare di "eroe" secondo voi?

8 commenti:

  1. Carinissima l'idea di questo post: condivido le tue scelte, soprattutto per Lucy e Paul che io ho profondamente ammirato in Red/Blue/Green.
    Plus: la foto del trio di HP è semplicemente meravigliosa!

    RispondiElimina
  2. Mi piace molto questo post e concordo con te su come sia impressionante annoverare tra gli eroi della letteratura personaggi così distanti, ma in fondo è proprio questo il bello del mondo di carta! Della tua lista conosco solo Tessa e il trio d Harry, io penso che ampliando il punto di vista un po' tutti i protagonisti dei romanzi, soprattutto quelli che ci appasionano ed emozionano di più, possano essere considerati degli eroi anche senza che combinino niente di speciale o di altruistico!
    Mi piacerebbe leggere qualcosa sul mondo dei fumetti di supereroi perchè non me ne sono mai avvicinata e quindi mi piacerebbe saperne di più:)

    RispondiElimina
  3. Ooooow, Clarke, che post carinissimo!! *w* devo sbrigarmi a finire The Danish Girl e, già che ci sono, aggiungo il libro di Jenny Downham alla mia wl! ❤

    RispondiElimina
  4. Stupendo questo post, Clarke *_* Concordo pienamente per i libri della Downham, Gier, per VA e ovviamente HP, mentre The danish girl non l'ho ancora letto (né ho visto il film), ma spero di riuscire a fare entrambe le cose al più presto *__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. The Danish Girl è molto pesante, infatti sono stata piena di ripensamenti fino alla fine... ma la recitazione di Eddie è stata fantastica e la storia tremendamente sentita!

      Elimina